Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2016
Molise. Salute mentale. L’evidence based migliora l’organizzazione In un quadro organizzativo sostanzialmente fermo per decenni gli interventi “evidence based”, associati a percorsi di cura strutturati e a minime soluzioni  organizzative, hanno avuto come conseguenza risultati quali-quantitativi positivi, utili per sostenere e accompagnare un cambiamento macro-organizzativo a costi invariati. La Regione Molise è sottoposta da oltre 10 anni a Piano Operativo di Rientro per la spesa sanitaria; solo alla fine del 2015 è stato approvato il Decreto Commissariale attuativo (DCA 68/2015) che riorganizza la Salute Mentale e solo agli inizi del mese di agosto è stato approvato il Piano Operativo Straordinario 2016-2018. La criticità regionale in salute mentale è stata sempre caratterizzata dalla prevalenza eccessiva di Alta Intensità (AI) residenziale e di una “vocazione” ospedalo-centrica: il Centro di Salute Mentale a Campobasso è stato aperto solo nel 2012, a distanza di oltre 30 anni da
Molise. Via libera della Conferenza Stato-Regioni al Piano operativo straordinario 2015-2018 Con l’approvazione definitiva della Conferenza Stato-Regioni entriamo finalmente, dopo 10 anni di piano di rientro, nella fase operativa della riorganizzazione del nostro Servizio sanitario. Ora mettiamo via contrapposizioni e divisioni e procediamo uniti”. “Un’approvazione – evidenzia ancora il presidente –, frutto dell’impegno riversato con generosità, oltre che con capacità e professionalità, da chi ci ha seguiti e con noi ha lavorato per portare la sanità molisana fuori dal pantano nel quale ristagnava dal 2007: dico grazie al subcommissario Gerardo di Martino, al direttore generale della Salute della Regione Marinella D’Innocenzo, al dg Asrem Gennaro Sosto, all’advisor, alle Strutture e ai Servizi regionali impegnati in un lavoro complesso, spesso messo in discussione, la cui qualità però oggi è stata riconosciuta in termini ufficiali”. leggi su QS